Recita di Natale 2018: suggerimenti per i bambini dell’asilo nido

Idee per la recita di Natale 2018 dei bimbi dell’asilo

Organizzare la recita di Natale 2018 che abbia come protagonisti i bambini dell’asilo nido non è affatto semplice. I piccoli alunni non sono ancora in grado di scandire perfettamente le parole e, nella maggior parte dei casi, non hanno una sicurezza tale da poter affrontare serenamente il palcoscenico e il turbinio di emozioni, belle e brutte, che implica il dover recitare dinanzi ad un pubblico che se ne sta in religioso silenzio. Un bravo educatore sa tuttavia che con pazienza e dedizione si ottiene tutto e che anche i bambini dell’asilo sono potenzialmente in grado di affrontare una prova così dura e impegnativa come, appunto, la recita di Natale. Bisogna scegliere quella giusta e più adatta alla loro età, però, se si desidera che i bimbi siano a loro agio e che il risultato sia conforme alle aspettative. Ecco, qui di seguito, qualche idea da prendere in considerazione per l’allestimento della recita di Natale 2018.

Un musical con canti e balli a tema Natale

La recita di Natale 2018 per i bambini dell’asilo nido non dev’essere necessariamente una commedia recitata dal primo all’ultimo minuto. Sarebbe, d’altro canto, fin troppo impegnativo proporre loro una cosa del genere, vista l’età che hanno. Meglio optare allora pr una sorta di musical che ruoti sempre attorno al concetto e alla magia del Natale ma che non preveda, di contro, troppe battute e parti recitate. L’idea migliore è quella di buttare giù una scaletta in cui cori e balli a tema si alternino in maniera equilibrata. I bimbi potrebbero quindi cimentarsi in canti tipici natalizi e simpatiche coreografie che rendano lo spettacolo completo e divertente sia per loro stessi che per i genitori che, certamente, accorreranno numerosi per vedere i propri piccoli calcare la scena per la prima volta. Per far sì che lo show sia ancor più entusiasmante si potrebbe pensare di coinvolgere anche qualcuno che suoni la chitarra, il piano o un qualunque strumento musicale. Così facendo avrete messo in piedi un vero e proprio musical che delizierà il pubblico lasciandolo a bocca aperta.

Gag e risate con la recita L’asino e il bue

Nel caso in cui l’educatrice sia certa delle potenzialità dei suoi piccoli alunni, tuttavia, nessuna vieta di prendere in considerazione l’idea di portare in scena una breve commedia tutta recitata. Consigliamo, in tal caso, qualcosa di semplice e di non troppo impegnativo sulla falsariga, ad esempio, della recita L’asino e il bue. La trama è lineare ma spassosissima. I bambini dovrebbero sostanzialmente vestire i panni di tutti quegli animali che, secondo la tradizione, popolano il presepe caratteristico della tradizione cristiana. Tra pecore e galline, buoi ed asini, ci sarà di che divertirsi: la peculiarità di questa recita è data infatti dal fatto che i personaggi battibeccano per un motivo o per un altro dal primo all’ultimo minuto, dando vita a gag esilaranti che faranno ridere di buon gusto tutte le mamme ed i papà che parteciperanno alla rappresentazione.

Fatti e misfatti del Polo Nord in scena all’asilo

Con qualche ritocco qua e là, anche il copione della recita dal titolo È accaduto un fatto strano potrebbe essere potenzialmente messa in scena dai bambini dell’asilo. La trama è breve e prevede la presenza di un narratore, che sarà però un adulto, che introduca la storia. La recita si apre con Babbo Natale e i suoi elfi indaffarati, al Polo Nord, a costruire i giocattoli che porteranno in dono ai bambini nella notte più magica dell’anno: bambole, costruzioni, orsetti, pennarelli e tanto altro. Succede però che l’indomani, al risveglio, gli elfi e il mitico omone di rosso vestito scopriranno che tutti i regali già preparati sono misteriosamente scomparsi. Disperati perché il tempo a disposizione non sarebbe sufficiente per rifare tutto daccapo, Babbo Natale e i suoi piccoli aiutanti dovranno adoperarsi e cercare i doni in ogni dove. Verrà loro in mente, all’improvviso, che c’è qualcuno in grado di aiutarli: è il mago dei ghiacciai, che servendosi della sua sfera magica sarà in grado di vedere dove si trovino i regali che sono spariti dalla fabbrica del Polo Nord. Scopriranno ben presto che la responsabilità è di una certa strega di nome Sconsolata, che vive nel deserto e che ha ben pensato di mandare a monte tutti i piano di Babbo Natale. Lui e i suoi elfi intraprenderanno allora un viaggio all’insegna dell’avventura e degli imprevisti che li porterà, alla fine, a riappropriarsi dei regali smarriti. Una recita con una trama ben impostata ma non troppo impegnativa, divertente e di facile comprensione, che è l’ideale per gettare le basi per un primo approccio con l’affascinante mondo del palcoscenico e dei riflettori.